Fase Motore Guasta

Il mio Bebop rosso soffre ancora del famigerato errore “Fase Motore Guasta”. In pratica quando lo si accende la stragrande maggioranze delle volte non effettua il classico colpetto d’eliche iniziale e la spia d’accensione lampeggia rossa. La ventolina di raffreddamento si mette comunque in moto e su FreeFlight appare l’errore “Fase Motore Guasta”. Continuando a spegnerlo e riaccenderlo saltuariamente capita che si accenda regolarmente come documentato da questo filmatino:

Ho già provato le cose ovvie come il reset del Bebop ed ho anche più volte provato a scollegare e ricollegare lo spinotto che connette il motore incriminato alla scheda madre, ma senza miglioramenti. Ho scritto al servizio clienti Parrot il giorno 11 maggio, ma ancora sto aspettando una risposta.

Ritengo che il problema possa essere o nel motore (che avevo già cambiato) o nella scheda madre. Visto l’alto costo della scheda madre penso che rischierò di nuovo la sostituzione del motore, sempre che Parrot nel frattempo non mi offra un’alternativa.

Quel che è certo è che in queste condizioni il Bebop rosso non può volare.

Fase Motore Guasta

I miei consigli sul WiFi

Ho da più parte letto di disconnessioni dal Bebop che avvengono in modo apparentemente casuale. Devo premettere che i miei due esemplari si sono sempre comportati piuttosto bene da questo punto di vista, ma vista l’insistenza con cui queste disconnessioni vengono segnalate ho tentato di indagare. Dico subito che malgrado abbia chiesto a coloro a cui le disconnessioni avvenivano di aiutarmi nelle indagini ho avuto pochissimi feedback segno che c’è gente più interessata a lamentarsi che a trovare soluzioni in modo ragionato. Per questo motivo i consigli che seguono sono solo dettati dall’esperienza che ho accumulato coi miei voli, da qualche prova sul banco e dall’analisi dei log del Bebop.

La comunicazione radio tra il Bebop ed il dispositivo di controllo avviene con una rete WiFi in tutto analoga a quella che siamo abituati ad utilizzare a casa per accedere ad internet. In particolare il Bebop crea una propria rete un po’ come farebbe un Access Point. Le reti WiFi possono utilizzare un limitato numero di canali su due distinte bande. La massima potenza erogabile ed i canali utilizzabili dipendono dalle regolamentazioni dei vari paesi.

Nel primo esempio connetterò il mio Bebop direttamente ad un iPad come farebbe chi non ha acquistato il drone in bundle con lo SkyController. Dopo aver acceso il drone ed aver atteso che questo completi la procedura di boot si cerca con l’iPad la rete del Bebop tra quelle disponibili: con iOs si deve andare in “Impostazioni” e poi in “WiFi”. Sarebbe bene, quando si vola in un’area coperta da una rete associata al nostro iPad, disassiociarla ed inoltre disattivare l’opzione “Richiesta accesso reti”. Questi accorgimenti servono ad impedire che se si verificasse la malaugurata ipotesi di una disconnessione dal Bebop l’iPad si agganci automaticamente ad un’altra rete. A questo punto si può avviare la app FreeFlight 3 e si dovrebbe vedere in uno dei riquadri l’immagine trasmessa dalla camera frontale del Bebop con la scritta “VOLO LIBERO” ed un pulsante rotondo con la scritta “START”. Se così non fosse provate a toccare le tre lineette bianche in alto a sinistra e quindi toccate il nome del vostro drone.

Una volta connessi toccate “START” per entrare nella finestra di comando principale. Qui toccate l’ingranaggio in alto a sinistra per entrare nelle configurazioni e quindi scorrete le varie schermate fino a giungere alla pagina “IMPOSTAZIONI DI RETE”. Qui bisogna effettuare delle regolazioni a mio parere molto importanti. Per prima cosa cambiate il nome della rete del vostro Bebop. Questo è particolarmente importante se vi capitasse di volare con altri amici con altri Bebop in modo che vi sia facile riconoscerlo. Dopo aver cambiato il nome della rete dovrete spegnere e riaccendere il drone ed eseguire nuovamente la procedura per tornare alle impostazioni di rete. Ora impostate la nazione nella quale vi trovate ed attivate il pulsante “ESTERNO” (ricordate che quando si cambia la nazione sarà possibile selezionare solo i canali permessi dalle sue leggi). Passate in modalità “MANUALE” e scegliete un canale lontano da quelli già occupati aiutandovi col grafico. Un consiglio: se la nazione che avete selezionato lo permette e se il vostro smartphone o tablet lo supporta scegliete un canale nella banda 5 GHz che solitamente è molto più libera di quella a 2.4 GHz.

Esaminando dei file di log ho potuto verificare che quando è in automatico Bebop può cambiare il canale WiFi anche durante il volo. Da alcune prove in casa e con il drone a terra ho potuto constatare come il cambiamento di canale e ancora di più quello di banda può provocare una momentanea disconnessione o, in alcuni casi, una disconnessione più duratura. Per questo motivo è importantissimo a mio avviso selezionare manualmente il canale del WiFi ed anche sceglierlo di volta in volta lontano da quelli più affollati.

Ora vediamo come connettere Bebop allo SkyController e quest’ultimo all’iPad. Per prima cosa accendete tutti i dispositivi. Una volta che lo SkyController si sarà avviato (le sue luci smetteranno di lampeggiare) connettetevi alla sua rete WiFi con l’iPad. Questo passaggio è importante: non dovete connettere l’iPad alla rete del Bebop (che anzi è meglio se sarà stata dissociata) ma a quella dello SkyController. Se Bebop e SkyController sono già stati accoppiati lo SkyController si sarà connesso al Bebop e voi vedrete la consueta finestra “VOLO LIBERO”, mentre se non fossero accoppiati questa sarà sostituita da “WI-FI MANAGER”. Toccando l’icona di “WI-FI MANAGER” accederete all’elenco delle reti WiFi ricevute dallo SkyController e qui sceglierete quella del Bebop confermando con “Connetti”. Ora potete entrare nelle pagine di configurazione ed andare nelle “IMPOSTAZIONI DI RETE” in modo analogo a quanto fatto nell’esempio precedente. In più quando usate lo SkyController c’è anche la pagina “IMPOSTAZIONI SKYCONTROLLER” da verificare. Qui potete cambiare il nome della rete dello SkyController (perché sia facile identificarla se volerete con altri amici dotati di questo dispositivo) e modificare il canale WiFi di questa rete. Ho nota come diversi utenti impostavano lo stesso canale in questa pagine ed in quella delle “IMPOSTAZIONI DI RETE”: nulla di più sbagliato! Si tratta di due reti differenti che possono disturbarsi a vicenda e vanno impostate su canali differenti e meglio ancora su bande differenti. Io consiglio la banda dei 5 GHz per il Bebop e quella a 2.4 GHz per lo SkyController.

Durante il volo con lo SkyController tenete sempre d’occhio i quattro LED bianchi che indicano la robustezza della connessione col Bebop. Quando allontanate il Bebop da voi è normale che il segnale cali ed è importante che manteniate l’antenna direttiva dello SkyController sempre puntata in direzione del drone. Se il segnale scende ad un’unico LED acceso e rosso cercate di tornare indietro. Per farlo non ruotate il Bebop perché così facendo rischiereste di perderne il contatto (le antenne si trovano nella parte posteriore del drone), ma piuttosto fatelo spostare verso di voi a marcia indietro almeno fino a che non avrete riguadagnato una tacca di segnale. In alternativa potrete utilizzare la funzione Return To Home (RTH) a patto che la connessione GPS fosse ben robusta prima del decollo (magari ne parlerò in un prossimo post sul blog).

Chiudo solo segnalando che quando ho aperto il mio Bebop rosso per la riparazione della croce centrale ho potuto constatare come i connettori delle due antenne siano molto piccoli e quanto le antenne si possano facilmente scollegare. Se notate che il livello del segnale è eccessivamente basso anche a pochi metri da voi è possibile che uno di questi connettori si sia sganciato. Per ispezionare i due connettori delle antenne basta aprire la “pancia” del Bebop togliendo le quattro viti sul fondo.

I miei consigli sul WiFi

Ancora errori dal motore

Oggi ho provato ad effettuare un volo col bebop rosso, ma di nuovo il drone non dava i quattro colpetti con le eliche all’avvio e dopo alcuni secondi di spia lampeggiante verde questa passava a rosso fisso mentre sullo schermo dell’iPad appariva la scritta “Fase motore guasta”. Come già l’altra volta spegnendo e riaccendendo più volte il drone ogni tanto questo si avvia regolarmente, ma visti i precedenti in queste condizioni non voglio volare. Devo ammettere di non avere idea di quale sia la causa del problema. Il motore coinvolto era già stato cambiato, ed ho controllato scrupolosamente i connettori. Nell’attesa ho tirato fuori dalla scatola il Bebop giallo che invece si è comportato bene malgrado il vento piuttosto forte.

Ancora errori dal motore