Bebop rosso riparato

Ieri sera ho proceduto alla sostituzione della croce centrale del Bebop rosso che avevo rotto l’altro ieri dopo un crash.

I test effettuati subito dopo aver rimontato il Bebop non hanno più rilevato problemi ai motori, credo e spero che si sia potuto trattare di un falso contatto che si è risolto disconnettendo e riconnettendo i motori alla scheda madre.

Questa mattina sono tornato a Leontica ed ho effettuato alcuni voli di prova andati a buon fine.

Sembra proprio che il Bebop rosso sia tornato in piena forma.

Bebop rosso riparato

Rottura della croce centrale

Oggi ho rotto la croce centrale del mio Bebop rosso. Mi trovavo a Leontica ed ho approfittato della bella giornata per alcuni voli. Ho capito subito che qualche cosa nel drone non andava perché alla prima accensione mi ha dato un errore di “Fase motore guasta”. Ho provato a spegnerlo e riaccenderlo diverse volte fino a che non si è avviato senza errori. Ho effettuato un primo volo ai limiti della portata scaricando una prima batteria. Una volta sostituita la batteria ho di nuovo avuto l’errore “Fase motore guasta”, ma anziché procedere con cautela come avrei dovuto ho spento e riacceso il Bebop finché l’errore non è scomparso. La medesima situazione si è verificata con il terzo volo, ma questa volta, poche decine di secondi dopo il decollo, un motore ha segnalato un malfunzionamento in volo ed il drone è precipitato in un bosco. Per fortuna la connessione WiFi è rimasta attiva e potevo vedere quanto inquadrato dalla telecamera del Bebop, cosa che mi ha aiutato molto ad indentificare il luogo dove si trovava il drone. Quando l’ho trovato ho subito potuto constatare come uno dei bracci della croce centrale si era spezzato.

Ho recuperato il drone e ne ho scaricato i filmati. Domani conto di procedere con la sostituzione della croce centrale. Fortunatamente ho già in casa il pezzo di ricambio. Qui di seguito un breve montaggio con i voli di oggi.

Rottura della croce centrale

Dispositivi non compatibili con il protocollo 802.11n

Gli smartphone ed i tablet che non supportano lo standard 802.11n potrebbero non essere in grado di collegarsi al Bebop o allo SkyController se li si imposta sulla banda WiFi a 5 GHz. Se dovesse accadere è possibile tornare alla banda 2.4 GHz:

Bebop – Con il drone acceso tenere premuto il tasto di accensione per 5 secondi quindi rilasciarlo. Il LED passerà da verde a giallo per un paio di secondi e poi di nuovo a verde. A questo punto il Bebop si sarà spostato su un canale scelto automaticamente nella banda a 2.4 GHz. Contrariamente a quanto afferma il manuale ripetere l’operazione non riporta il Bebop nella banda 5 GHz, ma se le condizioni di affollamento della rete WiFi dovessero essere cambiate potrebbe cambiare il canale scelto automaticamente nella banda a 2.4 GHz.

SkyController – Tenere premuti contemporaneamente i tasti REC ed EMERGENCY per 5 secondi finché i LED sulla sinistra (quelli che indicano il livello della connessione WiFi) non lampeggiano. Questa operazione riporta sempre il WiFi dello SkyController sul canale 6 in banda 2.4 GHz. L’operazione può essere eseguita anche senza il Bebop connesso.

Dispositivi non compatibili con il protocollo 802.11n

Errore nel manuale dello SkyController

Mi è stato segnalato un errore nel manuale dello SkyController riferito alla versione 1.2.3 del firmware. In questa versione pare sia diventato impossibile effettuare il reset dello SkyController tenendo pigiati contemporaneamente i tasti REC ed EMERGENCY per 10 secondi. Accade qualche cosa quando li si tiene pigiati per solo 5 secondi, ma quello che succede è diverso da quanto scritto sul manuale…

Errore nel manuale dello SkyController